Sushi fatto in casa con la ricetta facile

RoPrimiLeave a Comment

Condividi:

Una delle mie ultime passioni? La cucina giapponese. Nonostante mi sia dedicata negli ultimi tempi a diverse ricette orientali (ramen, curry giapponese, involtini primavera) quello che mi (ci) ha dato più soddisfazioni è in assoluto il sushi. Negli ultimi mesi ho perso il conto di quante volte l’abbiamo preparato in casa ed ogni volta, pian piano, con risultati sempre più soddisfacenti.

Premessa: armatevi di taaaaanta pazienza che, vi assicuro, verrà ripagata al primo assaggio quando sentirete in bocca l’esplosione di gusto che contraddistingue ogni singolo pezzo e che tanto piace agli appassionati di una delle pietanze più in voga del momento.

Premessa numero 2: nel caso in cui siate alle prime armi e non vogliate spendere un capitale in materie prime vi dico subito che un risultato sufficientemente accettabile, in mancanza del riso apposito, si ottiene con il Ribe. L‘aceto di riso può essere invece sostituito con quello di mele. Non fate mancare la salsa di soia, reperibile presso qualsiasi supermercato: senza, a mio parere, il sushi non avrebbe senso.

Premessa numero 3: il pesce crudo… ecco il dito nella piaga. Chi si appresta a preparare il sushi in casa per la prima volta deve assolutamente sapere che il pesce, prima dell’utilizzo, deve necessariamente essere abbattuto, ovvero congelato ad una temperatura non superiore a -20 gradi per almeno 24 ore nei ristoranti e per almeno 96 ore nel freezer di casa. Tale operazione rappresenta l’unico metodo per poter consumare tranquillamente il pesce non cotto senza l’incubo dell’anisakidosi, parassita presente normalmente in numerose specie marine.

 

Futomaki e nigiri

Ecco la ricetta:

 

Sushi fatto in casa con la ricetta facile
 
Prep T.
Cook T.
Tempo
 
Author:
Cucina: Giapponese
Ingredienti
  • 300 gr di riso per sushi
  • 550 ml circa di acqua
  • 100 gr di salmone fresco abbattuto
  • 100 gr di tonno fresco abbattuto
  • ½ avocado
  • 80 ml di aceto di riso
  • 30 gr di zucchero
  • 3 gr di sale
  • foglie di alga nori qb
  • semi di sesamo qb
  • salsa di soia e wasabi
Preparazione
  1. Sciacquare il riso più volte fino a quando avrà perso gran parte dell’amido e l’acqua da bianca sarà diventata trasparente. Adesso versarlo in una pentola o nella cuociriso e coprirlo con l’acqua. Cuocere a fuoco alto e con il coperchio fino a quando si sentirà l’acqua iniziare a bollire, quindi abbassare la fiamma al minimo e continuare per circa 8 minuti, senza mai sollevare il coperchio. Nel frattempo fare sciogliere in un pentolino l’aceto di riso con lo zucchero ed il sale.
  2. Prelevare il riso dalla pentola e versarlo su un piano, preferibilmente di legno (o, se in possesso, nell’hangiri) quindi irrorarlo con il composto a base di aceto e mescolarlo sventolando contemporaneamente con un ventaglio per fare raffreddare il tutto. Coprire il riso con un canovaccio inumidito e tenere da parte.
  3. Preparare gli ingredienti per il ripieno: pulire il salmone fresco, eliminare le spine e ridurlo in strisce lunghe e spesse. Effettuare la stessa operazione con l’avocado. Disporre sul piano di lavoro una ciotola con acqua e poco aceto di riso con la quale bagnarsi le mani per evitare che il riso vi si appiccichi.
  4. Per preparare gli hosomaki, ovvero i rotolini composti da un foglio di alga nori esterno, il riso ed un solo ingrediente all’interno, predisponete di fronte a voi i fogli di alga nori e copriteli con uno strato compatto ma non troppo spesso di riso quindi ponete al centro l’ingrediente prescelto ed a piacere pochissimo wasabi, arrotolate bene con l’aiuto dell’apposita stuoietta di bambù e ricavate i rotolini.
  5. Per preparare i futomaki, ovvero i rotolini composti da un rotolo di di alga nori, un ripieno con riso ed almeno due ingredienti seguite il procedimento descritto sopra ponendo al centro gli ingredienti prescelti (salmone e avocado, ad esempio).
  6. Per preparare invece i nigiri, ovvero le polpettine di riso ricoperte con una fettina di pesce o altro ingrediente, create delle palline di riso ovali e posizionate sopra l’ingrediente prescelto, esercitando una leggera pressione con il palmo delle mani.
  7. Per preparare gli uramaki, infine, ovvero i rotolini con il riso all’esterno, rivestite la stuoietta di bambù con della pellicola trasparente e ponete sopra il foglio di alga nori. Copritelo interamente con il riso, capovolgetelo in modo da ritrovare l’alga sopra e farcite a piacere con il salmone e l’avocado a pezzi. Arrotolare bene e spolverare a piacere con dei semi di sesamo. Ricavare i rotolini.
 

Uramaki e nigiri

Per preparare gli hosomaki, ovvero i rotolini composti da un foglio di alga nori esterno, il riso ed un solo ingrediente all’interno,  predisponete di fronte a voi i fogli di alga nori e copriteli con uno strato compatto ma non troppo spesso di riso quindi ponete al centro l’ingrediente prescelto ed a piacere pochissimo wasabi, arrotolate bene con l’aiuto dell’apposita stuoietta di bambù e ricavate i rotolini.

Per preparare i futomaki, ovvero i rotolini composti da un rotolo di di alga nori, un ripieno con riso ed almeno due ingredienti seguite il procedimento descritto sopra ponendo al centro gli ingredienti prescelti (salmone e avocado, ad esempio).

Per preparare invece i nigiri, ovvero le polpettine di riso ricoperte con una fettina di pesce o altro ingrediente, create delle palline di riso ovali e posizionate sopra l’ingrediente prescelto, esercitando una leggera pressione con il palmo delle mani.

Per preparare gli uramaki, infine, ovvero i rotolini con il riso all’esterno, rivestite la stuoietta di bambù con della pellicola trasparente e ponete sopra il foglio di alga nori. Copritelo interamente con il riso, capovolgetelo in modo da ritrovare l’alga sopra e farcite a piacere con il salmone e l’avocado a pezzi. Arrotolare bene e spolverare a piacere con dei semi di sesamo. Ricavare i rotolini.

Servite il sushi con della salsa di soia o con della salsa teriyaki e… non dimenticate il wasabi!

 

Insalata di farro con gamberetti e verdure
Crema di finocchi e spinaci detox
Condividi: