Paella alla valenciana

Buon lunedi!!! Arieccomi:D
Trascorso bene il we? Io sarò monotona ma mare, mare, mare ed ancora mare. Sabato, seratina mondana nella quale ho indossato il meraviglioso abitino comprato….ehm….sabato pomeriggio (nell’uscita-shopping dedicata alla ricerca di “qualcosa” da mettere ad un matrimonio che avrò ad agosto). Ho scritto “qualcosa” perchè inizialmente ero propensa solo ed esclusivamente per un abito, poi durante il mio giretto perlustrativo ho scovato da Motivi una gonna di un tessuto lucido a fantasia bianca e blu, che da saggia shopping-addict non ho comprato perchè prima vorrei trovare il “sopra”.
A proposito io avrei pensato ad un bustino (corsetto, bustier o come cavolo si chiama) blu, se ne avete avvistati me lo segnalereste?
Si, io sono così: sbircio tra gli scaffali, colpo di fulmine, pago, porto a casa e indosso. Non so resistere ai nuovi acquisti;-)


Ok, veniamo al tema del blog: cucina, si, perchè vi ho sentito mentre dicevate: “ehi??ma non era un blog di cucina questo? Perchè sta parlando di moda?”

Martedi scorso a casa mia cenetta spagnola a base di paella e sangria. Premetto di non essere una gran bevitrice, in realtà bevo qualche sorso solo quando sono a cena fuori o in occasione di qualche ricorrenza particolare, stop, quindi non è che regga un granchè l’alcool. Detto questo, non potevo esimermi dall’assaggiare la sangria e ci ho dato giù che è un piacere, ma con tutta quella frutta, come resistere? A fine serata intrattenevo allegramente tutti con i miei racconti surreali :S e naturalmente non riuscivo a smettere di ridere.
La ricetta della paella l’ho trovata su Sale&pepe di agosto, l’ho seguita passo passo, anche se non alla lettera, (infatti ho eliminato la carne prevista fuorchè il pollo, ho aggiunto le carote ed i piselli) integrandola con i consigli giunti direttamente dalla Spagna, (gracias Gabriela) e tradotti prontamente per me:-) Il complimento più bello che ho ricevuto è stato: “mangiando questa paella mi sembra di essere a casa” e se te lo dice una dolcissima ragazza che in Spagna ci vive, ecco vi lascio immaginare la soddisfazione. Grazie Xi:D

Paella alla valenciana

per 6 persone
300g di polpa di pomodori
2 peperoni rossi o verdi
200g di fagiolini
100g di piselli
300g di cozze
200 g di vongole
300g di gamberoni
1 petto di pollo
1 carota
1 cipolla
abbondante brodo
1/2 bicchiere di vino bianco secco
prezzemolo
1 limone
2 spicchi d’aglio
300g di riso
2 bustine di zafferano
olio extra vergine d’oliva
sale e pepe nero q.b.


Pulire le verdure. Tagliare i peperoni a julienne, affettare la cipolla e tritare l’aglio. Tagliare a pezzi i fagiolini, dopo averli privati del filo e lessare i piselli (tenere da parte l’acqua di cottura). Far aprire le cozze e le vongole in una padella con un ciuffo di prezzemolo, uno spicchio di limone, uno di aglio. Tagliare il pollo a pezzi. Riscaldare 1/3 dell’olio in una padella. Soffriggervi i peperoni, la carota e la cipolla. Unire il petto di pollo tagliato a cubetti e precedentemente rosolato in un’altra padella. Insaporire tutto insieme e salare leggermente, pepare e stufare a fuoco lento per circa 10 minuti. Aggiungere la polpa di pomodoro ed i fagiolini, far cuocere altri 10 minuti aggiungendo un mestolo di brodo. Nella paellera (o in una padella molto larga e con i bordi bassi, adatta ad essere inserita in forno) fare tostare il riso con 2 cucchiai di olio, aggiungere il vino e far sfumare. Aggiungere i gamberoni, il sugo di carne e verdure e gradatamente il brodo (nel quale avremo sciolto le bustine di zafferano) e l’acqua di cottura dei piselli. A fine cottura aggiungere anche le cozze. Distribuire sul piatto da portata guarnendo a piacer con spicchi di limone.

36 commenti su “Paella alla valenciana”

  1. ha un aspetto meraviglioso, anche se nelle ultime settimane la mia mamma ce l’ha propinata tre volte e adesso non ne posso piùùmi devo disintossicare!

  2. Buon inizio settimana Rob!questo piatto mi ricorda le prime vacanze DA SOLA!eheh..non l’ho mai fatta, ma mi piacerebbe imparare, al mio moroso piace molto!

  3. ah CARA Sweet… con questo piatto mi hai riportato alla mente il mio bellissimo viaggio a Barcellona nell estate del 2006…. Quanta nè ho bevuta di Sangria^__^ e mangiata di Paella in quelle trattorie caratteristiche del porto olimpico…. bellissimi ricordi!!!!!
    Per quanto riguarda lo shopping… parli con una VICTIM a tutti gli effetti… Sabato mi sono presa due vestitini e li ho già indossati… uno sabato notte e l altro domenica °-O
    Un bacione cara

    P.s: Bella roba da Motivi 😉

  4. che buona!!! adoro la paella! l’ho mangiata in messico in viaggio di nozze e mi è piaciuta un sacco! io personalmente non ho mai provato a farla anche perchè farla per una persona sola non è il massimo visto che mio marito non la mangia!! un giorno mi farò un mega pedellone solo per me

  5. prima di tutto non va bene che vai sempre al mare, ecco 😛
    secondo, io ho fame, sto sola a casa, ho il frigo vuoto e tu mi spari una paella cosi’ senza un minimo di decoro? grazie! gentile!:) questa settimana mi impegnero’ per trovare qualcosa di bello da postare, cosi’ mentre non ci sono e passi da me hai qualcosa da commentare che ti faccia compagnia! ma sai che ho fatto una cosa simile alle melanzane che mi avevi dedicato?
    uffa, voglio venire a trovartiiii!

  6. Ciao, ma che bello questo piatto, non l’ho mai fatto, ma sono sempre stata curiosa, la tua ricetta è molto semplice, ma deve essere anche molto molto gustosa;)quindi non ti offenderai se ti copio anche questa???
    baci

  7. molto bello questo piatto….io l’ho sempre considerata difficile da realizzare invece a te è riuscita benissimo….un baciotto
    Annamaria

  8. E’ un po’ diversa da quella che faccio io ma sembra molto parente 🙂
    Anzi mi hai ricordato che è da un po’ che non la faccio, ma aspetterò che faccia più fresco 🙂

    Ciaooo,
    Aiuolik

  9. Buongiorrrrrrno tesoruccio! Oh finalmente vedo il piatto di cui avevamo parlato… ^_^ Fantastica questa paella, coloratissima e sono certa che sarà anche stata squisita! Bellissime anche le foto, complimenti!

    Secondo me un bustino blu starebbe davvero bene su quella gonna, ma non saprei dirti dove puoi trovarlo…

    Un bacione cara!

  10. mi sono sempre riproposta di farla ma ci vuole molto tempo da didicarle?????mi piace moltissimo è la tua è veramente buonissima:-9ciao imma

  11. Buongiorno:-)
    In effetti non è un piatto velocissimo, io mi sono portata avanti nel primo pomeriggio per poi mangiarla di sera. In pratica ho preparato le verdure e la carne/pesce. Poi la sera ho solamente cotto il riso con il resto, et voilà:-)

    Dolcezza, vieni!!!Mi faresti davvero felice:D Ecco, posta qualcosa, così sopporterò meglio la tua assenza, anche se mi mancherai lo stesso:-(

    Camo, hai visto? Mentre scrivevo il post pensavo a te:-)

    Grazie a tutte ragazze:-)

  12. Ciao,
    la paella in qualsiasi modo venga fatta è sempre buona, da sperimentare, la cottura in forno e l’aggiunta del liquido a rate.
    Buonagiornata
    Nino

  13. ma a questa povera lavoratrice giraitalia una forchetta di paella gliel’hai lasciata?? Ecco..lo sapevo…abbandonata a me stessa..vabbuò..mi consolerò con il mio frico..abbracci strtti stretti..lety

  14. Paella stratosferica! Avrei voluto esserci per vedere gli effetti nefasti della sangria ;P
    Un bacione

  15. Buona la paella, l’ho fatta per la cena del 31 per i miei favolosi ospiti….mio marito e i miei figli ;))
    Trovato il bustino ? Bacio 🙂

  16. Stefy, grazie:-)
    Nino, concordo:-)
    Lety, ma certo che te l’ho lasciata, ma te la do solo se in cambio mi spedisci una porzione di frico;-)
    Fra, non ti converrebbe vedermi in un certo stato che definirei a dir poco “allegro”;-)
    Emilia, non l’ho trovato, uffa, ma ce la farò, me lo sento, un bacio:-)

  17. Spettacolare la tua paella e quanto mi piace la sangria!!! La tua descrizione del tuo rapporto con l’alcool corrisponde alla mia di me stessa e l’alcool, ma neppure io non so resistere alla sangria e poi giù a ridere (il che peggiora la situazione) e dire stronzate!!!! Hihihi troppo bello… ogni tanto ci vuole no?!? bacione ciucchettona!!! 😉 eli

  18. ah ma no fai pure 😛 Aggiorna pure mentre io non vedo cosi mi ritrovo due in uno una meravigliosissima paella (che goooolaaa) e una deliziosa coppa cheesecake (da uccidere!!!)….e mò chi glielo dice alla sarta di tornare ad allargarmi la roba che le ho portato da stringere? 😛
    Come dici? ah metto sul tuo conto? naaaaa, mi basta che finalmente ci incontreremo *_* e ti perdonerò per tutta la bava che mi hai fatto spargere per casa in questi anni 🙂
    ci sentiamo per mail tesorina 😉

  19. Oddio ma quante cose fantastiche hai fatto in questo periodo!!! Sto sbavando davanti al computer! Le adoro tutte!! Adesso vado a salvarmi la ricetta del cheescake nella coppa, del sushi di melanzane, del pane e panelle… 🙂 Bacioni, Cat

  20. Lo sapevo che ci scappava la cenetta in stile espanol…bellissima!!! Sale&Pepe non l’ho ancora preso, me ne hai fatto ricordare nel modo più goloso che esista, wow!!! p.s. per il corpetto, avendo una gonna a fantasia, voto per un top in tinta unita, dello stesso tessuto, molto minimal, preferibilmente senza spalline o comunque sottilissime… oppure qualcosa tipo foulard da annodare dietro la schiena, sempre tessuto lucido 🙂

  21. che voglia di paellaaaaaaaaaaa!!!!devo invitare il mio caro amico Nanni che è specialista nel preparare la paella…!;-) la tua mi sembra parecchio invitante….hehehe a presto Pippi

  22. camalyca-la mucca pazza

    La paella? Ma che scherzi? L’hai fatta così buona e non mi hai invitato? Ma non lo sai che sono paella dipendente?
    Cattiva!

  23. bellissima e sicuramente ottima!!!
    è sulla lista delle cose da provare da un bel po’ … magari in questi giorni …
    un bacio!

  24. per cominciare una settimana alla grande..cosa meglio d una paella…è molto tempo che non ne mangio….e questa qui mette proprio voglia di correre a comprare gli ingredienti!!!

  25. complimenti è bellissima! io non mi sono mai cimentata nella paella….temo sia troppo difficile! ma forse adesso mi hai convinta…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *