Torta di semi di papavero ed SOS isole pelagie

Rieccomi quì, volevo innanzitutto ringraziare ognuno di voi per gli auguri che mi avete lasciato, mi hanno fatto un immenso piacere:)))

Ieri sera ho proceduto con l’ordine dal sito della compagnia del cavatappi, vi aggiornerò non appena arriverà, comunque colgo l’occasione per ringraziare il sig Giovanni per la sua cortesia.
La ricetta di oggi viene dal blog di Kja, un nome una garanzia;) L’ho colta al volo proprio perchè, dopo aver ardentemnte desiderato di avere dei semi di papavero, ed averli tenuti in casa per mesi, avevo la necessità di consumarli e questo dolce, che non a caso si chiama “torta DI semi di papavero”, ne prevede in gran quantità, non avendo tra le dosi la farina.
Eccola quì:
Torta di semi di papavero
6 uova tuorli e albumi separati
160 g di zuchero
160 g di semi di papavero (a piacere tritati)
50 g di nocciole tritate grossolanamente
50 g di uvette
copertura
100 g di cioccolato
100 g di burro
2 cucchiai di acqua
Sciogliete il burro a calore basso, togliete la pentola dal fuoco e unite il cioccolato tritato. Mescolate per ottenere una crema liscia e unite l’acqua. Amalgamate.Montate gli albumi a neve ferma con 80 g di zucchero. Quando il composto è denso ponetelo in frigorifero. Montate i tuorli con lo zucchero restante fino a quando sono cremosi e giallo chiaro. Unite 4 cucchiai di composto di acqua e cioccolato, i semi di papavero, le uvette e le nocciole. Aggiungete metà alla volta gli albumi montati mescolando da sotto in sù e mai in cerchio per non smontarli. Trasferite il composto in una teglia tonda da 23-26 cm di diametro foderata di carta da forno e cuocete a 180 gradi con forno caldo per 40-50 minuti. Uno stuzzicadenti deve uscire comunque asciutto dall’impasto. Prima di servire coprite con la restante copertura al cioccolato .

Con questo post rispondo inoltre alla richiesta di Giovanna postando il link relativo all’associazione SOS Isole Pelagie, in pratica si tratta di un Comitato apolitico costituito da cittadini lampedusani, che nasce con lo scopo di evidenziare le mille difficoltà che la gente di Lampedusa e Linosa ormai non riesce più ad affrontare a causa del non rispetto delle leggi e del non riconoscimento dei propri diritti da parte delle istituzioni.

Non restiamo indifferenti a quello che sta succedendo…

39 commenti su “Torta di semi di papavero ed SOS isole pelagie”

  1. Pure io ieri sera mi sono papaverizzata, li ho messi nell’insalata! Ma la tua torta è molto più golosa!

  2. Non ho mai provato a cucinare niente con i semi di papavero… Dovrò mettermi in pari! Chissà se mi piacciono!?
    A presto!

  3. Buonissima la torta ai semi di papavero…la faccio spesso! Se vuoi un consiglio aggiungici dei pezzettini di mela, risulterà ancora più morbida e gustosa! Baci!

  4. Buongiorno tesoro!
    Come va? Sai che non ho mai visto un dolce come questo? Sono incuriosita dall’assenza di farina e dai semi di papavero… sono certa che mi piacerebbe, ci sono le nocciole, l’uvetta e il cioccolato quindi vado sul sicuro!
    Un bacione!

  5. ciao Rob, bentornata! cominciavamo a darti per dispersa sai? :-))
    Che particolare questa torta, mi incuriosisce molto l’uso cosi netto di semi di papavero, chissà che consistenza ha…azzarederei un granulosa, vista gli ingredienti, esteticamente mi dà un po’ l’idea del pandinatale…In attesa che rispondi alla mia curiosità innata, mi godo la visione sulla colata di cioccolato….aiutoooooo! baci!

  6. Ho difficoltà a trovare i semi di papavero…proprio non so dove cercarli….e dire che sono così affascinata dal loro utilizzo…bravissima e deve essere anche ottima…ciaooo Lidia

  7. Oh mamma che buona deve essere con tutti quei semini che scrocchiano sotto i denti!!!! Bravissima
    Un bacione grande
    fra

  8. Kitty's Kitchen

    Si presenta splendidamente! Che bello vedere quel colore all’interno più scuro. Bella ricetta!

  9. anch’io ho fatto l’ordine lunedì scorso… non vedo l’ora di ricevere il pacco!!! buonissima questa torta!! la proverò prima o poi!! baci.

  10. E’ vero…i semi di papavero sono davvero ottimi anche nelle ricette dolci: una volta ne ho fatto anche un ripieno per crèpes…così come impreziosiscono di bellezza e sapore panini, grissini, pizzette…bella ricetta! 🙂

  11. Non ho mai fatto una torta con semi di papavero.
    Mi copio la ricettina e la provo al più presto ciao

  12. Bellissima la torta mi intriga tanto anzi é un po’ che pensavo di usare qquei meravigliosi semini che mi piacciono tanto;)

    per le care nostre isole sono con te!!!!spero che una soluzione sia presto trovata

  13. Ma sai ceh fin’ora i semi di papavero li abbiamo usati solo nelle preparazioni salate?! Non avevamo mai considerato che potessero stare anche nei dolci!! La tua torta sembra davvero buonissima!!
    bacioni

  14. Robertinaaaa, ma che mi sono persa qcs???Cmq ti faccio anche io gli Auguri, per qualunque cosa siano…
    Non ho mai fatto nulla con i semi di papavero, ma mi hanno sempre incuriosita 🙂

    Baci

  15. Rossa di Sera

    Buonaaaa!.. In Russia si usano spesso i semi di papavero per le torte, i ciambelloni, i vari ripieni.. Sono davvero gustosi!

  16. Oh, cappero!!! Non sapevo che il tuo blogghino fosse nato un giorno prima del mio! Posso farti gli auguri in ritardo (io non mi offendo se vuoi festeggiare anche con questa tortina ai semi di papavero…he he)?

  17. Ma che belle ricette che vedo in questo stupendo blog!! adesso divento lettore! IO facevo un pan di spagna con i semi di papavero molto tempo fa….cerchero di trovare la vecchia ricettina scritta da qualche parte sui miei appunti….e la pubblichero nel mio blog facendo rifferimento a te. A presto!

  18. arietta, le tue ricette hanno sempre quella marcia in +! complimenti! ma dove li trovi i semi di papavero? da me sono introvabili!!! baci

  19. Dopo le vacanze nell’est Europa, mio marito è tornato a casa con un po’ di nostalgia per i dolci ai semi di papavero. E quindi ho sperimentato un bel rotolo ai semi di papavero. Risultato: immangiabile. I mie semi di papavero sapevano decisamente di pepe mentre quelli dei dolci ceci, polacchi ecc. non sapevano quasi di nulla. Nella tua torta si sente il gusto pepato? Bacioni! Cat

  20. Graaaaaaaaaaazie a tutte, un buon fine settimana!!!
    Per rispondere ad ari, la consistenza è supergranulosa, infatti riangono tutti i semi fra i denti, ihihihh:))
    Baci***

  21. grazie cara, vado subito ad aggiungere il tuo link. La solidarietà per la mia isola che ci state dimostrando ci stimola a non mollare. Più se ne parla e meglio è.

  22. si recuperano i semi di papavero e si prova immediatamente questa torta così particolare

  23. io l ho fatta ieri sera è risultata molto morbida forse quasi troppo ho usato una ricetta trovata su un libri del alto adige l atra versione usava la farina e credo che la farò di nuovo utilizzandola . avevo giàa mangiato questa torta in una baita sulle dolomiti ed era infatti più consistente ma il sapore è molto buono comunque

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *