Brioches siciliane e granita caffè e panna

Inizia una nuova settimana, per quanto mi riguarda piena di buoni propositi “culinarialmente” parlando. Nei sette giorni appena trascorsi ho trascurato un pò troppo la mia alimentazione, mangiando schifezze e fuori pasto e questo non è da me, soprattutto non ORA.

Sabato e domenica sono stata a mare e sono passata, con mia grande soddisfazione, dalla tonalità bianco cadaverico alla tonalità bianco latte macchiato :-/

Girando tra i vostri blog spesso ho sentito parlare della colazione, forse il pasto più importante della giornata, quello che da la carica giusta per affrontare anche il famigerato lunedi mattina…
In particolare sbirciando il blog di marjlet ho trovato un interessante post riguardante la colazione dei catanesi, vi consiglio di andare a leggerlo.
Io invece quì vi parlo della colazione “estiva” dei siciliani in generale: la granita con le mitiche brioches siciliane, altrimenti dette “brioches col tuppo”.
Per quanto riguarda la ricetta delle brioches, ne ho provate talmente tante da non ricordarne il numero, poi ieri ho deciso di cimentarmi in quella trovata sul blog di Paoletta, che so essere una garanzia e difatti le ho trovate: sono loro!!! Uguali, ugualissime:O

Ho impastato tutto a mano non avendo altri “aiutanti” in cucina:P
Brioche catanesi col tuppo (Adriana R., Gennarino)

500 g. farina Manitoba
500 g. farina 00
150 g. zucchero
150 g burro
20 g. sale
15 g di lievito di birra*
350 g di latte freddo
20 g di miele
4 uova
A piacere qualche goccia di aroma panettone
(io ho usato della scorza gratt. di arancia)

Nella ciotola della planetaria mettiamo la farina, il miele, e il lievito di birra che avremo sciolto con una parte di latte, iniziamo a lavorare limpasto aggiungendo le uova una alla volta.
Impastiamo tutti gli ingredienti per almeno 20/25 minuti, aggiungendo poco alla volta il latte freddo e il sale che avremo sciolto in una piccola parte di latte, a questo punto iniziamo ad aggiungere il burro freddo e non a temp. amb. e procediamo a vel.1-1/2, limpasto dovrà staccarsi dalle pareti totalmente, e come ci ha insegnato Adriano capovolgiamo spesso l’impasto, stacchiamolo dal gancio e ricominciamo.
L’impasto dovrà presentarsi molto elastico, sarà pronto quando tirando tra le dita un po’ di impasto si formerà un velo senza strapparsi.
Quindi mettiamo l’impasto a lievitare coperto, a questo punto ci sono due strade che possiamo percorrere: se si vogliono preparare in giornata lasciare che la pasta triplichi il suo volume iniziale e quindi lasciamo lievitare a circa 28°, se invece vogliamo delle brioches da primato riponiamo in frigorifero con tutto il contenitore l’impasto, coprendo con della pellicola fino al mattino seguente. Io ho preparato l’impasto la sera precedente.
Al mattino capovolgiamo l’impasto sul tavolo di lavoro infarinato, lasciamolo a temp. per un’ora senza lavorarlo, trascorso il tempo arrotoliamolo appena e porzioniamo la pasta realizzando delle omogenee pallette e inseriamo una pallina più piccola a mo’ di tappo.Rimettiamo a lievitare (dentro al forno con la luce accesa, comunque ad una temperatura max di 28°) fino al raddoppio delle brioches, una volta trascorso il tempo, spennelliamo con un tuorlo e un po di latte e inforniamo a 190° per circa 25′.

* Nota importante: nel caso in cui si decidesse di lavorare l’impasto nel tardo pomeriggio, per infornare al mattino, sarebbe meglio diminuire il lievito di birra a 10 gr.

Per quanto riguarda la granita invece ho scelto quella al caffè proprio perchè sto parlando di colazione e diciamolo, anche perchè è una delle mie preferite 😉 , ma quì si spazia da quella al limone, a quella fragola e panna, da quella alla pesca, a quella alle mandorle, da quella al pistacchio, a quella al gelsomino, ed ancora al cioccolato … continuo?!

DSC04157

 

Granita al caffè

2.5 dl di caffè forte
2.5 dl di acqua
80 g di zucchero semolato
1 baccello di vaniglia o 2 bustine di vaniglia
1 cucchiaino raso di amido

panna e zucchero a velo

Versa l’acqua e lo zucchero in un tegamino e con fiamma bassa sciogli bene lo zucchero sempre mescolando.
Abbassa la fiamma aggiungi il caffè e spegni.
Filtra lo sciroppo mettilo in un contenitore resistente al freddo e passalo in freezer per due ore mescolando spesso per mantenere la granita morbida.
Al momento di servire monta la panna con lo zucchero a velo. Distribuisci la granita nelle singole coppette o bicchieri guarnendo ognuna con un ciuffo di panna.

Granita al limone e meme musicale
Chiffon cake al cappuccino