Le cuddure, dolce tipico di Pasqua

Ieri è ufficialmente iniziata la mia produzione pasquale. Ho in mente una serie di piatti che prenderanno vita durante questa settimana e che non sto quì ad elencarvi adesso, però ci tengo a farvi conoscere le cuddure cu l’ova che altro non sono che tipici dolci siciliani preparati nel periodo pasquale.

Tempo fa, durante la Quaresima, si osservava un periodo di rinunce alimentari, in particolare erano banditi dalla tavola carne, uova e formaggi, ma con l’arrivo della settimana santa tali rinunce terminavano, e le uova erano un alimento particolarmente utilizzato in cucina soprattutto nei dolci pasquali.

Ma la forma della cuddura, che tradizionalmente è un grosso dolce di forma circolare, (da quì il nome cuddura che significa corona), non si limita solo a questo: se ne preparano anche a forma di campana, di cestino (per augurare abbondanza) oppure di galletto e/o colomba, o di cuore da regalare a fidanzati/e, etc…

Non ho una ricetta di famiglia, ma ne ho trovato una girovagando sul web, l’ho leggermente modificata perchè la quantità di uova nell’impasto (ne erano previste 4) mi è sembrata eccessiva ed infatti avendone usate 3 ho dovuto aggiungere della farina, perciò consiglio di usarne 2 ed eventualmente aggiungere un tuorlo. In più ho utilizzato al posto del lievito previsto 1/2 bustina di ammoniaca, essenziale secondo me, per la buona riuscita e per il gusto.

Le cuddure, dolce tipico di Pasqua
Author: Ro
Prep time:
Cook time:
Total time:
Ingredients
  • 500 gr di farina 00
  • 150 gr di zucchero
  • 100 gr di strutto
  • 1/2 bustina di ammoniaca
  • 150 ml di latte tiepido
  • scorza di 1 arancia non trattata
  • acqua di fiori d’arancia ( facoltativa)
  • 2 uova fresche (o 2 + 1 tuorlo)
  • 10 uova sode
  • confettini colorati
Instructions
  1. Far rassodare 10 uova e lasciarle raffreddare. Raccogliere in una ciotola le altre 4 uova, la farina, lo zucchero, lo strutto, la scorza d’arancia ed un cucchiaio di acqua di fior d’arancia. Amalgamare bene gli ingredienti ed aggiungere l’ammoniaca.
  2. Infarinare leggermente la spianatoia e tirare l’impasto in una sfoglia di 1 cm circa di spessore. Con la rotella tagliapasta ritagliare 4 forme a piacere.
  3. Dalla pasta in eccedenza ricavate delle strisce lunghe e strette. Sistemate un uovo sodo al centro della forma e assicurarlo con una striscia di pasta inumidita alle estremità.
  4. Lucidare con uovo battuto, decorare con delle paline di zucchero colorate e passare in forno a 200° per 20-25 minuti.

20 commenti su “Le cuddure, dolce tipico di Pasqua”

  1. fantastiche sai che da le chiamiamo pure 2PUPE Cù L’OVA” OSSIA PUPAZZI CON LE UOVA ,PERCHè SI USA DARE UNA FORMA APPUNTA DA “PUPO” SEI GRANDISSIMAAAAAAAAAAAA!

  2. Mmmmmmmmm, quasi quasi…
    Troppo belle, immagino la friabilita’ ed il profumo frolloso!!! Ma perche’ mancano solo 4 giorni a Pasqua 🙁 non ce la posso fare, gia mi sono ritagliata ogni pausa per pastiere, casatielli, ovetti, etc etc…
    Faro’ l’impossibile 🙂
    Bruttissimo quando resto con la voglia 🙂 Fammi capire una cosa, se ne facessi una solo, tonda, in pratica metto la ciambella sulla teglia e cuocio…poi si serve a tocchetti tipo cantucci?

  3. uh, questo è un dolce pasquale tipico anche pugliese, sai? mi ricordo che quando con il mio ex andavo giu per pasqua tutti le facevano e le portavano per tradizione a cuocere al forno 🙂 poi loro addirittura le coloravano con i coloranti alimentari, un lavoro infinito insomma 😀 sono veramente belle le tue 😉 stasera mancava giusto il dolcetto! devo complimentarmi per la precisione, pensavo tu avessi degli stampi apposta :-O

  4. Se…”questo è solo l’inizio” non oso immaginare quali prelibatezze avrai in serbo per i rpossimi giorni…

    Un abbraccio, buona notte! 😉

  5. che cosa sfiziosa,ne sconoscevo davvero l’esistenza!!!!
    devo farci piu’caso nelle pasticcerie..ma l’occhio va sempre ai cannoli e non capisco niente piu’

  6. che bello entrare nei blog in questi giorni e trovare cibo caratteristico dei propri luoghi:-) questo dolcini li fanno anche qui a cosenza di forma diversa…si chiamano cuculi….bravissima come sempre:-)
    Annamaria

  7. Giovanna sono andata a vederle: che decorazione:O mi sono piaciute tanto!
    Precy, più che cantucci noi li spezziamo con le mani, ma nulla vieta di provarci;-)
    Arietta non sapevo che si potessero usare i coloranti, mi hai dato un’ulteriore informazione:-)
    Andrea ti aspetto, passa pure quando vuoi, sei il benvenuto:-)
    Mirtilla, anch’io davanti ai cannoli non vedrei nient’altro;-)
    Unika l’atmosfera pasquale di questi giorni nei blog piace molto anche a me, se non altro pechè sto scoprendo tradizioni che sconoscevo:-)

  8. Mariluna, ne ho sentito parlare giusto in questi giorni delle cuzzupe, ma non le ho mai viste, adesso mi sa che faccio una ricerchina con il mio amato Google:-)

  9. Cavoli stanno spopolando! Sono già le terze che vedo!
    Bellissime Sweetcook, una vera delizia anche per gli occhi, oltre che, sicuramente, per il palato!
    Un bacione e tanti auguri di Buona Pasqua!

  10. Solo ora vedo questo post, venendo da Giovanna di Caramelle, mi sa’ che l’Italia si unisce in nome del biscotto pasquale con l’uovo, da noi in Puglia si chiama scarcella, ed ogni anno non mi sottraggo alla tradizione!

  11. Dolcetto, caravaggio, ciboulette grazie anche a voi, tra pastiere, casatelli e pizze di pasqua mi sembrava doveroso preparare un dolce simbolo della Pasqua quì in Sicilia, ma come ho visto tra i vari blog, non è solo siciliano;-)

  12. Ah, la scorsa settimana cercavo proprio questa ricetta!! Purtroppo ho visto la tua proprio prima di partire per il ponte pasquale e quindi non ho fatto in tempo a farle (le tue sono stra-bellissime, complimenti!)!! Bacioni, Cat

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *