Maritozzi con la panna

Una delle cose che più mi piace cucinare, o meglio, che più mi da soddisfazioni, è un lievitato ben riuscito. Il seguire una ricetta alla lettera, dalla precisione delle dosi, ai gesti meccanici (si fa per dire perchè impasto sempre e solo a mano) che caratterizzano il momento della preparazione, l’attesa trepidante della prima lievitazione, l’eccitazione mista a curiosità nel sollevare il canovaccio dalla ciotola per verificare che tutto sia andato bene, la cura nel dare la giusta forma ed infine lo stupore nel, seguendo la cottura davanti al forno, vedere crescere il TUO prodotto, tuo perchè l’hai creato tu, hai curato tutto nei minimi particolari affinchè il risultato fosse perfetto.
.
Ecco perchè mi piace così tanto, ed ecco perchè sabato, avendo la giornata libera, spesso mi dedico a questo tipo di preparazioni. Questa è stata la volta dei maritozzi che ho scovato sul blog di Paoletta, che a sua volta ha eseguito partendo da una ricetta di Adriano.
Come ogni volta in cui ho eseguito una ricetta di Paoletta, non posso che dire di essere rimasta soddisfatta e ovviamente sorpresa che si possa ottenere un simile risultato in casa. Dunque mi sembra doveroso ringraziare entrambi!
MARITOZZI CON LA PANNA

Ingredienti:

450gr farina w 300 (ho usato la manitoba)
50gr farina di riso
200gr acqua
90gr zucchero
1 cucchiaio miele
1 uovo + 1 tuorlo
8gr lievito fresco
8gr sale
1 cucchiaino malto (ho usato miele)
60gr burro
40gr olio di mais (o arachide o riso)
zeste di 1 arancia grattugiate
albume e sciroppo di zucchero per pennellare

Procedimento:

Portiamo quasi a bollore l’acqua con metà delle zeste e riscaldiamo l’olio con l’altra metà.

Sciogliamo il lievito ed il malto nell’acqua intiepidita (che avremo riportato a 200gr), uniamo 200gr di farina e lasciamo gonfiare a temp. ambiente (ca 1 ora). Misceliamo il resto della farina con quella di riso.

Uniamo metà della farina e dello zucchero ed avviamo la macchina a vel. 1, all’assorbimento uniamo l’uovo con il resto dello zucchero e della farina, facciamo andare per qualche giro, poi inseriamo il tuorlo con il miele ed il sale, aumentiamo la vel. a 1,5 ed incordiamo.

Aggiungiamo il burro morbido in due volte e, quando avremo ottenuto una buona incordatura, uniamo l’olio a filo, fermandoci di tanto in tanto per evitare che l’impasto si smolli.

Copriamo e poniamo a 26° fino al raddoppio (ca. 2 ore)

Per l’impasto a mano rifarsi al procedimento del pandolce alle pere, lasciando l’olio per ultimo, ad impasto già incordato.Rovesciamo sulla spianatoia infarinata e diamo le pieghe del tipo 2, arrotondiamo e copriamo a campana.
(a questo punto, volendo, possiamo trasferire l’impasto in frigo a 4° fino al giorno successivo)

Dopo 30’ porzioniamo in pezzi da 80gr ed avvolgiamo a palla stretto.Dopo 15’ capovolgiamo le sfere e riavvolgiamo a filoncino, stringendo bene.

Copriamo con pellicola e mettiamo a lievitare a 28° (ca 1 ora) Pennelliamo con albume ed inforniamo a 180° per 12’ o fino a cottura. Appena fuori dal forno lucidiamo con sciroppo di zucchero a 30° be (135gr di zucchero portati a bollore con 100gr di acqua e raffreddati).

Possono essere farciti con un velo di crema pasticciera e panna montata.

La scatola di latta e la pâte de Spéculoos
Oreo's cheesecake

Ti potrebbe interessare anche: