Tigelle, ricetta senza tigelliera

Dopo averne sentito parlare e riparlare vi lascio immaginare che voglia mi era venuta, soprattutto se pensate alla molteplicità di ripieni con cui avrei potuto farcirle (salumi, stracchino, rucola, nutella,…). Allora prima di mettermi all’opera mi sono documentata ben bene (anzi a tal proposito ringrazio le cuochine di Alf che hanno chiarito i miei dubbi) e mi sono cimentata nella preparazione delle tigelle. Premetto che non sono mai stata a Modena, ne tantomeno ho le ho mai viste dal vivo ed (ahimè) mai assaggiate, quindi siate clementi.
La ricetta mi è stata gentilmente concessa dalla nostra dolcissima Arietta la quale mi ha anche spiegato un paio di cosette sia per quanto riguarda la cottura (avrei dovuto usare la tigelliera, tipico strumento con il quale vengono tradizionalmente cotte e che come potete immaginare è introvabile in Sicilia), sia per il ripieno (mi ha suggerito un battuto di pancetta e parmigiano, anche se io, non avendola in casa ho ripiegato su altri ingredienti).
Quelle che vedete in foto sono state farcite con philadelphia, salmone e rucola…una goduria:D

E adesso modenesi (e non), massacratemi pure:P

Vi riporto la ricetta che ho utilizzato dimezzando le dosi:

CRESCENTINE o TIGELLE

500 gr farina
1/2 cubetto lievito
sale
olio
latte 100 gr circa
acqua gasata 170-200 gr

Impastare la farina, il lievito sbriciolato, l’olio e il sale, aiutandosi con acqua gasata e un pò di latte. Lasciare lievitare un paio d’ore in un luogo caldo. Stendere la pasta, tagliare le tigelle (in mancanza di apposito stampino le ho tagliate con un bicchiere) e cuocerle nella tigelliera o in mancanza in una padella antiaderente leggermente unta con l’aiuto di un tovagliolo di carta. Fondamentale è usare il coperchio.

Se siete amanti del pesce, tra le ricette con sarago vi consiglio di provare questo
L'insalata di farro con piselli e carote è la ricetta perfetta per un pranzo semplice,
Della grande varietà di ortaggi che l'estate ci regala, non si può che approfittare. A
La parmigiana di zucca rossa - o gialla - al forno si realizza con una
La ricetta della pasta con radicchio e noci rappresenta la soluzione perfetta per un primo
Condividi:

15 commenti su “Tigelle, ricetta senza tigelliera”

  1. Fabio beato te io quelle originali non le ho mai assaggiate, sigh
    Grazia perchè scegliere quando si possono avere tutte e due? 😉
    Cocò, la tigelliera non ce l’ho, le ho cotte in una padella antiaderente con coperchio.

  2. Meraviglia delle meraviglie, nemmeno io le ho mai assaggiate ma c’è mio maritoche ogni volta che va a bologna (al motor show) se ne fa una pancia e poi mi assilla dicendo che sonotroppo buone e bla bla bla!!!!! Questa ricetta la provo certamente complimenti anche per il ripieno bravissima sweet… come sempre!!! Baci Alessia

  3. Io carissima copio queste tue tigelle che non ho mai assaggiato ma mi spinge molto farlo al più presto (per un pic-nic pasquale sono perfette)e per il momento non voglio neanche pensare cosa ci sta meglio dentro…ho una gran fame…Sei molto brava anche tu e mi piace l’interessamento e l’attenzione che dai alle tue ricette. Baci
    Ps. la risposta per la ricottina é da me e se hai ancora dubbi, non esitare a mandarmi una mail.:-)).

  4. rob, sei stata bravissima 🙂 l’aspetto è molto invitante, le foto rendono a meraviglia la loro golosità (peccato solo che a me non piace il salmone, altrimenti te ne chiederei una :D)
    …se posso permettermi solo un appunto, senza presunzione, ma solo a onor del vero: la prossima volta, se riesci, tirale più sottili, perchè le tigelle sono spesse circa la metà 🙂
    spero di non farti dispiacere con il mio suggerimento, perchè io non avrei saputo fare di meglio, dovendole cuocere in padella 🙂 BACIO!

  5. Alessia, e bravo il tuo maritino, ma non te ne porta neanche una quando torna?;-) Grazie
    Mariluna grazie per i complimenti e sto arrivando, aspettami:-)
    Arietta ma ci mancherebbe io LI ASPETTAVO i tuoi suggerimenti, chi meglio di te? vydvqanzi grazie per la delicatezza con la quale me li hai offerti:D
    Smacckete.

  6. wow che bwllw! mi viene voglia di provarle al più presto…ti linko tra i preferiti, mi piace un sacco il tuo blog!!!

  7. Sweetcook ti faccio tanti Auguri di buona Pasqua di tutto cuore!!!! Baci cara a presto!!!

  8. Unika si, potremmo diefinirle dei piccoli panini, anche se non sono la persona più adatta per questa informazione, ci vorrebbe una modenese;-)
    Mirtilla Elisa Alessia grazie:-)
    Pollinia ti ho aggiunto anch’io
    Auguro a tutte/i buona pasqua:D

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *