Fave fresche con buccia e mollica

Fave fresche con buccia e mollica, ricetta siciliana

Quella delle fave fresche con buccia e mollica è la ricetta siciliana che voglio proporvi oggi. Ma, prima di procedere, un doveroso grazie va a mia suocera, che non solo mi ha fatto conoscere la ricetta, ma che mi ha anche illustrato procedimento e segreti che ne stanno alla base, che sono semplici ma in grado di regalarci un delizioso piatto primaverile che tutti dovrebbero assaggiare almeno una volta.

Come pulire le fave

Ora che sono di stagione – il loro periodo è proprio la primavera –  sarebbe un vero peccato non approfittare delle proprietà delle fave fresche, che possono essere utilizzate in cucina in tantissime ricette, anche con la buccia.

Come pulirle è presto detto: basta lavare bene i baccelli ed eliminare le loro estremità, quindi togliere la parte filamentosa con l’aiuto di un coltello ed aprirli a metà per ricavare le fave. La buccia, specie se tenera, non va buttata, ma cotta insieme ai legumi. In questa ricetta è fondamentale.

Fave fresche con buccia e mollica

Come cucinare le fave fresche con la buccia

A differenza di quelle secche, che richiedono un preventivo ammollo di almeno 8 ore, le fave fresche con la buccia si cuociono in un tempo nettamente minore. Prima di utilizzarle in una qualsiasi ricetta, vi consiglio di lessarle in acqua bollente giusto il tempo necessario per ammorbidirle. Sono pronte quando risultano appena tenere. A questo punto potete ripassarle in padella, frullarle per farne una crema o condirci semplicemente la pasta (quella con fave fresche e ricotta è super consigliata).

Il piatto che ne viene fuori si può servire sia come antipasto rustico che come contorno/secondo piatto vegetariano. Si colloca bene tra le ricette primaverili (come gli gnocchi di ricotta su crema di piselli e l’insalata di farro con piselli e carote) da provare durante la bella stagione. Indispensabile è poco peperoncino rosso il quale – anche se in genere non vi piace il piccante – ravviva alla grande il sapore di questa preparazione. Modulatene la dose in base ai vostri gusti.

Segreti

Ma veniamo ai segreti che rendono unica questa ricetta siciliana delle fave fresche con la buccia.

L’aglio: non utilizzate il classico in spicchi, bensì quello fresco chiamato anche aglietto. A differenza di quello secco ha un aroma più delicato e se ne possono utilizzare anche gli steli, tagliuzzati come avviene con l’erba cipollina.

Finocchietto selvatico: ne viene usato un mazzetto insieme alle fave. Crea un’accoppiata vincente con queste ultime e rappresenta un ingrediente fondamentale in questa preparazione.

Grill: una volta cotte in padella, le fave vanno spolverate di pangrattato e cotte sotto il grill per qualche minuto. La crosticina che si formerà in superficie vale il prezzo del biglietto 😉

Date un’occhiata alle altre ricette siciliane!

Fave fresche con buccia e mollica
Cuisine: Siciliana
Author: Roberta Favazzo
Prep time:
Total time:
Serves: 4
Una ricetta siciliana vegetariana adatta alla primavera: le fave fresche con buccia e mollica vi conquisteranno
Ingredients
  • 500 gr di fave fresche tenere
  • 1 aglietto fresco
  • 1 peperoncino rosso
  • 1 mazzetto di finocchietto selvatico
  • olio extra vergine di oliva
  • sale
  • pangrattato qb
Instructions
  1. Lavate bene le fave, eliminate le estremità di ogni baccello e, con un coltello, anche la parte filamentosa delle bucce. Lavate bene anche i finocchietti selvatici.
  2. Fate lessare fave e bucce in un tegame con acqua bollente salata fino a quando risultano tenere. Scolatele e, nella stessa acqua, fate lessare anche i finocchietti selvatici. Scolate anche questi e tagliuzzateli con un coltello.
  3. Versate in una padella capiente dell’olio d’oliva sul fuoco e, una volta caldo, unite l’aglio fresco affettato sottilmente e il peperoncino rosso, anch’esso tritato. Fate rosolare appena, quindi unite le fave con le bucce ed il finocchietto selvatico e regolate di sale.
  4. Fate insaporire per qualche minuto mescolando ogni tanto quindi unite del pangrattato. Fatelo cuocere ancora in modo che la mollica aderisca bene alle fave ma non si incrosti.
  5. Una volta pronte trasferitele in una teglia, cospargetele con poco pangrattato e passatele sotto il grill per 5 minuti.

 

 

 

Gli strangolapreti alla trentina con spinaci costituiscono un primo piatto tipico, ricco e sostanzioso, della
Le tartine con prugne e Philadelphia, ricetta (se così si può definire) estremamente semplice ma
L'insalata di farro con piselli e carote è la ricetta perfetta per un pranzo semplice,
Della grande varietà di ortaggi che l'estate ci regala, non si può che approfittare. A
Non so se la ricetta dei tortelli di patate che ho realizzato sia la tradizionale
Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *