Latticello, burro e soda bread

Vi è mai capitato di volervi cimentare in una di quelle ricette americane tipo muffins, scones, pancakes e compagnia bella e dovervi rinunciare perchè tra gli ingredienti compare il latticello, ingrediente non proprio reperibilissimo (almeno dalle mie parti)?

Bene, a me un pò troppo spesso, mi ero stufata di cercarlo, tanto quì, in questo angolo di mondo, è insperabile trovarlo. Ecco che allora un giorno, quando ormai, giuro, non ci pensavo più, nel mio solito giretto quotidiano tra i blog, mi imbatto in questo post.

Lei, Mariluna, che tempo fa ha fatto sì che io preparassi la ricotta in casa, questa volta proponeva addirittura il buttermilk, questo sconosciuto :O Destino volle che io avessi comprato il giorno prima una confezione di panna fresca per i muffins estivi e me ne rimanessero ancora 400 ml.

E si sa, al destino non si comanda, (o era al cuore?), in ogni caso, dopo circa mezz’ora avevo in casa burro e latticello:-)

Prima di spiegarvi come ho proceduto, vi lascio qualche breve cenno direttamente da wikipedia “Il latticello è un ingrediente fondamentale per moltissimi dolci americani, anticamente si otteneva quando si faceva il burro in casa lasciando inacidire i residui della lavorazione del burro stesso. Quello che risultava da questa trasformazione veniva infatti chiamato “latte del burro” ovvero latticello”. Per produrlo in casa si può lasciar inacidire del latte lasciandolo al caldo, oppure si può ovviare preparando una miscela con il 50% di latte e il 50% di yogurt bianco intero.

Latticello, burro e soda bread

Latticello e burro fatti in casa

Allora, si prende la panna fresca e si comincia a frullare, frullare, frullare… Prima si monterà, voi continuate e non abbiate timore, durante questo frangente di tempo penserete: “ma dai, figurati se da semplicissima panna montata otterrò del burro, è gia un quarto d’ora che monto, mah, io comincio a non crederci, sseeeeeeeeeee!!!” (mistero della fede:P) Ed ecco che appena avrete finito di dirlo, anzi, di pensarlo, incomincerete a vedere del liquido biancastro depositarsi sul fondo del recipiente e schizzare da ogni parte, e dei pezzettini di burro (tipo fiocchi) staccarsi. Ecco, ora fermatevi, prendete questi fiocchi, strizzateli e fate uscire tutto il siero come consiglia Mariluna meglio metterlo in un colino e lasciarlo per un po’ perdere tutto il siero.
Il burro si conserva per circa 15 gg, il latticello solo per 3-4.

Latticello, burro e soda bread

Con il latticello ho deciso di buttarmi sul salato e provare il soda bread, la ricetta l’ho presa quì.

Come riportato sul sito, il soda bread è il tipico pane irlandese integrale a lievitazione istantanea: la lievitazione avviene, cioè, in forno, usando il bicarbonato di sodio come agente lievitante.
L’autore dice che l’ha sempre preparato con lo yogurt e che si mantiene morbido per un paio di giorni. Il mio, invece, forse proprio per l’utilizzo del latticello, è rimasto soffice per almeno 4-5 giorni.

Soda bread

Soda bread
Author: Ro
Prep time:
Cook time:
Total time:
Ingredients
  • 30 gr di burro
  • 500 ml di latticello
  • 450 gr di farina integrale
  • 1,5 cucchiaini di sale fino
  • 1 cucchiaino di zucchero di canna (non l’ho messo)
  • 1 cucchiaino raso di bicarbonato di sodio
Instructions
  1. Scaldate il forno a 225°C. Imburrate uno stampo da plum cake della capacità di 1 kg (dimensioni: 22 x 12 x 6,5 cm, circa). Potete anche usare due stampi più piccoli.
  2. Fate fondere il burro con un cucchiaio di acqua e unitelo allo yogurt. Alla farina integrale unite sale fino, zucchero di canna (facoltativo) e bicarbonato di sodio.
  3. Mescolate molto bene. Aggiungete lo yogurt alla farina. Bagnatevi le mani e usatele per mescolare l’impasto, che risulterà molliccio: non preoccupatevi, va bene così.
  4. Dovete agire velocemente ma delicatamente: questo perché il bicarbonato di sodio inizia ad agire appena entra a contatto con lo yogurt.
  5. Travasatelo nello stampo, spolverizzatelo con 1 cucchiaio di farina integrale e infornatelo. Non preoccupatevi di lisciare il sopra: il pane avrà un aspetto più rustico e si formerà una crosta appetitosa.
  6. Cuocete per 15 minuti, portate poi il forno a 200° C e cuocete per altri 30 minuti circa. Tirate il pane fuori dal forno e dopo 5 minuti dallo stampo. Rimettetelo in forno per altri 10-15 minuti: in questo modo anche le pareti potranno assumere un bel colore marrone scuro.
  7. Fatelo raffreddare su una gratella e gustatelo tiepido o la mattina dopo, tostato.

 

 

Ti è piaciuta la ricetta? Dai un voto da una a cinque stelle:
[Total: 0 Average: 0]