Vellutata di porri per il diet blog

Pasqua e Pasquetta sono passate, adesso si che mi rendo conto che l’estate si avvicina inesorabilmente. Mai come ora (nonostante, per l’ennesima volta vi ricordi che quì qualcosa non va, sto parlando delle condizioni metereologiche) sento l’esigenza di mangiare in maniera leggera (sarà l’effetto delle abbuffate di questi giorni?!). Comunque unendo i due fattori (estate + abbuffate) il risultato è questo: partecipare alla raccolta di Benedetta, contribuendo in parte a creare un ricettario light e aspettando che tutte le “reclute” diano il loro contributo cosi che io possa approfittarne.
Il ragionamento non fa una grinza, no?

Ho scelto di postare una vellutata. Le ho scoperte da poco, ma subito ne ho colto gli aspetti positivi, ti risolvono il pranzo (o la cena), ti saziano a perfezione, ti invogliano con i loro colori accesi e con la loro consistenza cremosa, e dulcis in fundo…. hanno poche calorie (certo, ammesso che non ci tuffiate dentro un confezione di panna, io di solito la ometto o la sostituisco con del latte). Ed allora che vellutata sia!

EDIT: Aggiornamento delle 18.35 del 15/04/09.

Ho appena scoperto che quelle che ho sempre chiamato vellutate in realtà non lo sono, o meglio non lo sono tutte. Mi spiego, la cara Cinzia mi ha fatto notare che quella che ho postato sarebbe più giusto chiamarla potage parisienne perchè non prevede tra gli ingredienti nè panna, nè uova, nè tanto meno ha come base un fondo bianco. Certa di fare cosa gradita a chi, come me, non conosce bene la differenza vi riporto la spiegazione chiarissima di Cinzia, che ringrazio ancora per avermi illuminato:)

Per vellutata, si intende una minestra realizzata a partire da un fondo bianco di vitello, volatile o pesce, legata con un roux, panna e rosso d’uovo.

Invece per crema si intende quando si usa solo la panna e come legante maizena o crema di riso.

Partendo da porro e patata come nel tuo caso, si parla di potage parisienne 🙂

.
Ex -Vellutata di porri (ora potage parisienne) 🙂
.
Ingredienti
3 porri
1 patate media
250 gr di latte
parmigiano q.b.
1 pizzico di sale
pepe
1 cucchiaino di olio
.
Pulire i porri dalle foglie più dure e taglirli a rondelle sottili. Pelare le patate e tagliarle a cubetti. Mettere in una pentola e coprire di acqua. Fare cuocere per circa 20 minuti. Aggiungere un pizzico di sale, il latte e portare ad ebollizione. Passare il tutto al frullatore. Aggiungere il parmigliano e servire con un filo di olio extra vergine (a piacere) e una spolverata di pepe.